Articoli

Salvini, Di Maio e sinistra, Vauro smaschera tutti in un libro

Esce “LA ZECCA” (dal 12 aprile in edicola con Left). Il vignettista raccoglie 320 disegni e vignette con il settimanale Left: «È un gioco». Moni Ovadia: «Mette alla berlina gli omuncoli di potere»

C’è un autore di satira che resta particolarmente indigesto al ministro in grado di indossare abiti da mille mestieri, e talvolta anche la giacca e cravatta istituzionali, e che è presente 24 ore su 24 su Facebook, twitter, altri social, le notizie d’agenzia, i quotidiani, anche periodici di gossip per le sue fidanzate. Avrete capito di chi parliamo.

Il ministro è il responsabile degli Interni, il ministero chiave di ogni governo. Il vignettista è Vauro.

« I suoi fan mi arrivano fin dentro la cassetta della posta » commenta Vauro Senesi, pistoiese del 1955 che a chi ha potere, anche a sinistra e nel centro sinistra, ha sempre riservato trattamenti che ne rivelavano contraddizioni e inciampi con una sonora risata. Tanto per ricordarlo, D’Alema è stato suo malgrado un suo bersaglio molto amato, poi rimpiazzato dal debordante Renzi.

Adesso Vauro pubblica un libro con vignette e tavole a colori: LA ZECCA“, in edicola insieme a Left da venerdì 12 aprile 2019, con 320 vignette e tavole anche a colori.

Lo presenta giovedì 11 aprile alle 19 nella redazione del settimanale in via Ludovico di Savoia 2b a Roma, dove l’autore pubblica da anni le sue vignette. All’appuntamento intervengono la direttrice responsabile Simona Maggiorelli, che conosce Vauro da una vita anche perché toscana di origine, e Moni Ovadia. E il cantante-autore-attore nella prefazione scrive: « Il suo linguaggio non cessa di indagare, di mettere alla berlina le rappresentazioni e i raggiri degli uomini e degli omuncoli di potere (…) Il tratto che compone i suoi personaggi, incluso quello di se stesso, è popolare, proletario, attinge a un’umanità che viene dal basso e ha tutti i titoli per stigmatizzare le ingiustizie ».

«Per me è un gioco, proprio come quello dei bambini, a volte rischioso, spesso chiassoso, fastidioso alle orecchie degli adulti ma mai monotono e sempre ricco di fantasia. E i bambini (almeno quelli di un tempo lo erano) sono immuni al conformismo», riepiloga il disegnatore che da anni subisce, rispondendo con una risata, «tentativi di censura, licenziamenti ed espulsioni, denunce e processi, assoluzioni e condanne fino all’ossessione compulsiva di Salvini di querelarmi ogni venti minuti».

Globalist, 06/04/2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...