Articoli

Sheliazhenko: “Vi spiego perché i guerrafondai russi e ucraini si ritraggono a vicenda come nazisti e fascisti”

16 marzo 2022 | AzioneNonviolenta.it

Stanotte Yurii Sheliazhenko del Movimento pacifista ucraino ha inviato questa riflessione a tutte le sezione di EBCO-BEOC, tra cui il Movimento Nonviolento. Ve la proponiamo in traduzione italiana a supporto delle voci di chi – in Ucraina e in Russia – è contro la guerra.

La crescente animosità tra Russia e Ucraina rende difficile concordare un cessate il fuoco.
Il presidente della Russia Vladimir Putin insiste nell’intervento militare sostenendo di liberare l’Ucraina da un regime che, come i fascisti, uccide il proprio popolo.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy mobilita l’intera popolazione per combattere l’aggressione e afferma che i russi si comportano come nazisti quando uccidono i civili.
I media mainstream ucraini e russi usano la propaganda militare per chiamare l’altra parte nazisti o fascisti, giudicando i loro abusi di destra e militaristi. Tutti i riferimenti di questo tipo stanno semplicemente a favore dell’idea che si sta combattendo una “guerra giusta”, facendo appello all’immagine demonizzata di un nemico del passato, radicata nella cultura politica arcaica.

Naturalmente sappiamo che una guerra giusta non può esistere in linea di principio, perché la prima vittima della guerra è la verità, e qualsiasi versione della giustizia senza verità è una presa in giro.
Pensare che uccisioni di massa e distruzione possano costruire giustizia va oltre la sanità mentale.
Al contrario, la conoscenza di azioni nonviolente efficaci e la visione di un futuro migliore per il pianeta, senza eserciti e confini, fanno parte della cultura della pace ma non sono stati diffusi a sufficienza, nemmeno nelle società più sviluppate. Tanto meno in Russia e Ucraina, Stati che hanno ancora la coscrizione e danno ai bambini un’educazione patriottica militare invece dell’educazione alla cittadinanza e alla pace.

La cultura della pace, sottoinvestita e non adeguatamente diffusa, lotta per affrontare la cultura arcaica della violenza, basata su vecchie idee sanguinarie che pretendono di essere giuste e la cui migliore politica si riassume nel divide et impera.

Questa cultura della violenza è probabilmente anche più antica dei fasci, l’antico simbolo romano del potere, un fascio di bastoni con un’ascia al centro, strumento per la fustigazione e la decapitazione e simbolo di forza nell’unità: puoi facilmente rompere un bastone ma non l’intero pacchetto. In senso estremo, i fasci sono una metafora delle persone violentemente raccolte e sacrificabili, private dell’individualità. Un modello di governance attraverso il bastone, non secondo la ragione e attraverso incentivi, come fa un governo nonviolento in una cultura di pace.

Questa metafora dei fasci è molto vicina al pensiero militare, all’etica degli assassini che respinge i comandamenti morali contro l’uccisione. Quando vai in guerra, dovresti essere ossessionato dall’illusione che tutti “noi” dovremmo combattere e tutti “loro” dovrebbero morire.

Ecco perché il regime di Putin elimina crudelmente ogni opposizione politica alla sua macchina da guerra, arrestando migliaia di manifestanti contro la guerra. Ecco perché la Russia e i paesi della NATO si sono vietati a vicenda i media. Ecco perché i nazionalisti ucraini si sono sforzati di vietare l’uso pubblico della lingua russa. Ecco perché la propaganda ucraina ti racconterà una fiaba su come l’intera popolazione è diventata un esercito nella guerra popolare e ignorerà silenziosamente i milioni di rifugiati, gli sfollati interni e i maschi di età compresa tra 18 e 60 anni che si nascondono dall’arruolamento obbligatorio dopo che è stato vietato di lasciare il paese. Ecco perché le persone amanti della pace, non le élite profittatrici della guerra, soffrono di più da tutte le parti a causa delle ostilità, delle sanzioni economiche e dell’isteria discriminatoria.

La politica militarista in Russia, Ucraina e nei paesi della NATO ha alcune somiglianze sia nell’ideologia che nelle pratiche con i regimi totalitari orribilmente violenti di Mussolini e Hitler. Naturalmente, tali somiglianze non sono una scusa da agitare da una parte o dall’altra per motivare qualsiasi guerra e nemmeno una banalizzazione dei crimini nazisti e fascisti. Queste somiglianze vanno oltre l’identità manifestamente neonazista di alcune unità militari che combattono sia dalla parte ucraina (Azov, Settore Destro) che dalla parte russa (Varyag, Unità nazionale russa).

Nel senso più ampio, la politica fascista sta cercando di trasformare l’intero popolo in una macchina da guerra, nelle false masse monolitiche – presumibilmente unite nell’impulso di combattere un nemico comune – che tutti i militaristi di tutti i paesi stanno cercando di costruire. Per comportarsi da fascisti basta avere un esercito e tutto ciò che è legato all’esercito: l’imposizione di un’identità omogenea, un nemico assoluto, la preparazione alla guerra intesa come inevitabile. Il tuo nemico non deve essere necessariamente ebreo, comunista o omosessuale; può essere chiunque, reale o immaginario. La tua belligeranza monolitica non deve necessariamente essere ispirata da un leader autoritario; può essere un messaggio d’odio e una chiamata alla lotta consegnati da innumerevoli voci autorevoli. E cose come indossare svastiche, sfilare con le fiaccole e altre rievocazioni storiche sono facoltative e scarsamente rilevanti.

Gli Stati Uniti sembrano uno stato fascista perché ci sono due rilievi scultorei di fasci nella Sala della Camera dei Rappresentanti? Assolutamente no, è solo un manufatto storico.
Gli Stati Uniti, la Russia e l’Ucraina somigliano un po’ agli Stati fascisti perché tutti e tre hanno forze militari e sono pronti a usarle per perseguire la sovranità assoluta, cioè per fare ciò che vogliono nel loro territorio o sfera di influenza, come se la Forza fosse Giusta.

Inoltre, tutti e tre dovrebbero essere stati nazione, il che significa unità monolitica delle persone della stessa cultura che vivono sotto un governo onnipotente all’interno di rigidi confini geografici e che per questo non hanno conflitti armati interni o esterni.

Lo stato nazione è probabilmente il modello di pace più stupido e irrealistico che si possa mai immaginare, ma è comunque convenzionale. Invece di un ripensamento critico dei concetti arcaici della sovranità della Westfalia e dello stato nazione wilsoniano, i cui difetti sono stati rivelati dall’arte statale nazista e fascista, prendiamo questi concetti come indiscutibili e attribuiamo tutta la colpa della seconda guerra mondiale a due dittatori morti e a un gruppo di loro seguaci. Non c’è da stupirsi che ancora e ancora troviamo fascisti nelle vicinanze e facciamo loro guerre, comportandoci come loro, secondo teorie politiche uguali alle loro, ma cercando di convincerci che siamo migliori di loro.

Per risolvere l’attuale conflitto militare a due binari, Ovest vs Est e Russia vs Ucraina, nonché per fermare qualsiasi guerra ed evitare guerre in futuro, dovremmo usare tecniche di politica nonviolenta, sviluppare una cultura di pace e educare alla pace le prossime generazioni. Dovremmo smettere di sparare e iniziare a parlare, dire la verità, capirci e agire per il bene comune senza danneggiare nessuno. Le giustificazioni della violenza nei confronti di qualsiasi popolo, anche di chi si comporta da nazista o da fascista, non servono. Sarebbe meglio resistere ai comportamenti sbagliati senza violenza e aiutare le persone fuorviate e militanti a comprendere i benefici della nonviolenza organizzata.

Azione Nonviolenta
16 marzo 2022 [FONTE]

TUTTE LE ULTIME VIGNETTE DI VAURO 👇

Ultimi articoli pubblicati

2 risposte »

  1. Mah, alle solite… il fascismo, mostro orribile, ha fatto 700.000/800.000 morti, a detta degli storici. Il nazismo, mostro orribile, ha fatto 6.000.000 di morti, a detta degli storici. Il comunismo, mostro orribile, ha fatto 80.000.000 di morti, a detta degli storici. I primi due in Italia sono vietati, il terzo, il comunismo, no. Eppure, si parla sempre di nazisti e fascisti. Con kim jong-un che di diritti umani non vuole sentir parlare, ancora oggi. kim jong-un è comunista, non nazista o fascista. Eppure, solo di nazismo e di fascismo si parla. Vietati. Se ne parli, ma si parli anche dei crimini del comunismo. O no ?

    "Mi piace"

  2. Credo non abbia colto il senso dell’articolo. Lo Stalinismo Sovietico aveva lo stesso schema di potere degli Stati nazional/socialisti e non solo.
    È lo schema della struttura di potere che determina l’atteggiamento fascista, le definizioni teoriche a quel punto sono nomi vuoti di significato.

    "Mi piace"

Rispondi a Leandro Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...