Articoli

A Torino i riders vincono contro Uber: dovranno essere considerati lavoratori subordinati

Scomodo, 19 novembre 2021

In Italia i rider si stanno facendo giustizia a forza di sentenze. A Milano è in corso un procedimento penale per caporalato guidato dalla CGIL contro UberEats, e sempre la procura meneghina ha chiesto lo scorso febbraio una multa di oltre 700 milioni alle aziende di delivery, oltre all’assunzione di 60.000 fattorini.

Ieri è arrivata un’altra doccia fredda per le aziende di delivery, una vittoria per i 10 lavoratori che avevano portato avanti la causa sempre contro UberEats. Il tribunale del lavoro di Torino ha stabilito che i rider hanno diritto al riconoscimento di lavoratori dipendenti. Non solo: l’azienda dovrà versare a ogni lavoratore la retribuzione e le indennità per tutto il periodo di lavoro svolto sinora.

La categoria, dopo l’esplosione del food delivery in Italia e in particolare durante la pandemia, è diventata il simbolo delle rivendicazioni dei diritti sul lavoro, soprattutto nell’ambito della gig economy. Il processo di sindacalizzazione dei fattorini “imprenditori di loro stessi” è stato lungo e faticosissimo. Per motivi innanzitutto culturali: l’estrazione sociale, le differenze generazionali e di chi è occupato sono molto varie. La segregazione occupazionale è evidente, in un settore che richiede conoscenza e uso della lingua limitati o nulli.

Come se non bastasse, le aziende riunite in Assodelivery avevano puntato su un accordo con un cosiddetto “sindacato giallo”, ovvero controllato in maniera indiretta dalle imprese, l’ANAR. Nato nel 2019 e controllato da UGL (Unione Generale del Lavoro, sindacato storicamente legato a MSI e in tempi più recenti alla Lega – l’ex sottosegretario Durigon ne è stato un importante dirigente), nel settembre 2020 firmava un accordo che sostanzialmente “legalizzava” il cottimo. ANAR, ovviamente, non rappresentava i rider ma, nonostante ciò, intorno a quest’accordo si è formato il modello attuale di impiego. Contro di esso a Bologna è attiva da una class action, guidata sempre da CGIL.

Al momento, delle principali, solo JustEat assume i propri fattorini come dipendenti, pagati in linea con i 10 euro netti l’ora stabiliti dal contratto nazionale per i fattorini.”

facebook.com/LeggiScomodo
Leggiscomodo.org

TUTTE LE ULTIME VIGNETTE DI VAURO 👇

Variante Omicron, paziente zero… La vignetta di Vauro

30/11/2021, Vauro per Il Fatto Quotidiano

Ultimi articoli pubblicati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...