Articoli

Ucraina, tutto esaurito per ‘Pace proibita’. Mannoia: “È una guerra tra Nato e Russia”. Celestini: “Stop all’invio di armi, serve dialogo” — Il Fatto, VIDEO

IL FATTO, 03/05/2022 — di Manolo Lanaro

[VIDEO] La serata organizzata da Michele Santoro ha registrato il tutto esaurito. ‘Pace proibita’, che tra gli altri ha visto sul palco del Teatro Ghione di Roma Sabina Guzzanti, Elio Germano e molti altri, ha voluto mostrare un’altra direzione rispetto alla corsa agli armamenti e alla crescente escalation bellica iniziata lo scorso 24 febbraio con l’invasione Russa dell’Ucraina. Prima dello spettacolo critiche da parte di Fiorella Mannoia, Vauro e Moni Ovadia a Stati Uniti, Europa e Italia ed anche Ascanio Celestini si dichiara contrario all’invio di armi in Ucraina. FONTE

PACE PROIBITATeatro Ghione (Roma) lunedì 2 maggio ore 21, di persona o collegati con voci diverse e una parola sola. PACE

Con Luciana Castellina, Ascanio Celestini, Emily Clancy, don Fabio Corazzina, Jasmine Cristallo, Fiammetta Cucurnia, Donatella Di Cesare, Sara Diena, Elio Germano, Sabina Guzzanti, Fiorella Mannoia, Tomaso Montanari, Moni Ovadia, Michele Santoro, Vauro Senesi, Cecilia Strada, Marco Tarquinio

#2maggio #pace #PaceProibita

TUTTE LE ULTIME VIGNETTE DI VAURO 👇

Ultimi articoli pubblicati

3 risposte »

  1. Su che cosa si basa la panzana pazzesca che é una “guerra tra Nato e Russia”? Invece di blaterare, blaterare, blaterare, blaterare, blaterare, blaterare perché non andate a verificare quali sono le opinioni degli ucraini, quelli ancora vivi, ovviamente, quello che resistono all’invasore. Sono tutti nazisti? Datemi le prove. Andate a chiedere agli ucraini cosa ne pensano della “vostra pace proibita”. E, ripeto, che ha pianificato e poi iniziato questa invasione? E quelle della Cecenia, della Georgia e la guerra contro l’Armenia per il Nagorno Karabakh e le devastazioni in Siria? Tanto, lo so, non rispondete mai.

    "Mi piace"

    • La Russia è chiaramente una Nazione imperialista, capitalista fino all’osso, che sta applicando le regole disumane che altre Nazioni di pari livello hanno applicato negli ultimi 70 anni rimanendo indisturbate dal punto di vista economico, sociale e morale. Le vittime sono chiaramente i civili ucraini, ad esclusione dei neonazisti dell’Azov, la verità e il desiderio di pace che tutti gli esseri umani semplici ed onesti desiderano.
      La guerra non porta pace, e il vecchio motto latino è nato nell’Impero per giustificare le guerre che lo stesso imponeva al mondo.

      "Mi piace"

Rispondi a Gabriele Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...