Articoli

Vauro: “Rita Dalla Chiesa per il suo attacco chieda scusa ai rom italiani, non a me” — Globalist

Il fumettista risponde alle polemiche scaturite dalla sua presa di posizione su Giorgia Meloni: “Gli insulti sono da condannare, ma non do solidarietà a chi è incapace di solidarietà”

01/03/2021 | GLOBALIST

“Gli insulti a Giorgia Meloni sono da condannare, ma non do solidarietà a incapace di solidarietà. Ma vorrei che Rita Dalla Chiesa, se avesse il tempo di approfondire, prima di prendere a calci il sottoscritto chiedesse scusa. Ma non a me, che chiedesse scusa ai rom italiani”. Vauro risponde così alla conduttrice che, per una vicenda di tre anni fa sui rom, ritiene che il fumettista e autore di satira debba “cambiare nazionalità”

Vauro, tutto nasce dalle polemiche sulle offese del professor Gozzini a Giorgia Meloni. Cosa hai detto al riguardo?
Ho detto una cosa banale: insulti così pesanti non solo sono da non condividere ma da condannare… continua sotto


LEGGI ANCHE: Rita Dalla Chiesa non risparmia Vauro: “Cambia nazionalità. Noi avremo un ‘italiano’ come te in meno”


È la premessa: sono frasi che non applicano a nessuno. 
A nessuno. Ripeto, è una premessa banale di un minimo di civiltà.

Cosa hai detto sulla Meloni e perché ti querela?
Quello che ho detto è agli atti: non le do solidarietà in quanto è una figura pubblica, non è solo una donna, è la leader dei Fratelli d’Italia, un partito che ha cavalcato e cavalca fascismo e razzismo. Anche questo mi sembra banale. Non si sento di dare solidarietà a chi è incapace di dare solidarietà. Non soltanto, non do solidarietà a chi ha fatto della solidarietà un disvalore: basti pensare alle dichiarazioni e alle prese di posizione di Fratelli d’Italia sulle questioni dei migranti, delle donne, dei gay, che riguardano le cosiddette minoranze. Ci sono state dichiarazioni feroci e spesso violente. Loro definiscono qualsiasi forma di solidarietà come “buonismo”… continua sotto


LEGGI ANCHE: Lettera Santoro-Vauro a Mattarella: “Salvini ha tradito la Costituzione”


Per loro è buonismo. 
Io non sono un buonista come direbbero loro per cui ovviamente depreco le dichiarazioni di Gozzini ma questo non toglie che non dia solidarietà alla leader di un partito che ha fatto anche dell’insulto e della minaccia uno dei suoi motivi di essere.

Fu un leghista che dette di “bambola gonfiabile” a Laura Boldrini quando era presidente della Camera?
Sì, credo. La Boldrini è stata linciata, lei sì, in quanto donna e non solo dai leghisti. Devo ricordare purtroppo anche dai Cinque stelle: adesso sono liberali e moderati ma ricordo un post di Beppe Grillo con una foto di una persona in automobile e la didascalia, non ricordo esattamente le parole, che diceva “se aveste la Boldrini in macchina cosa le fareste?”. E detto da Grillo eviterei di parlare di automobili.

In questo discorso si è introdotta la polemica di Rita Dalla Chiesa sul “purtroppo sono italiano” scaturita da un tweet. 
Questo è molto triste. La signora porta un cognome che nessuno non può non stimare e né apprezzare (il generale Dalla Chiesa, ndr). Nel post che mi attacca usa anche il cognome dicendo che lo avrei infangato e che dovrei essere preso a calci nel sedere, mi pare. Credo che prima di fare affermazioni di questo tipo una signora che è giornalista avrebbe dovuto informarsi a cosa faceva riferimento quella fotografia. Tanto più che il purtroppo era virgolettato… continua sotto


LEGGI ANCHE: Salvini: “Faremo censimento dei rom, quelli italiani purtroppo ce li dobbiamo tenere”


E a cosa era riferito, quel “purtroppo”?
A quando Salvini era ministro degli Interni e parlando dei rom disse che purtroppo ci sono anche rom italiani. Io e Michele Santoro scrivemmo anche una lettera al presidente della Repubblica chiedendo se era accettabile che un ministro con una carica importante istituzionale della Repubblica italiana potesse discriminare addirittura, e sottolineo addirittura, cittadini italiani.

In conclusione della vicenda?
Rimango fermamente sul “purtroppo”. Credo che il post della signora Dalla Chiesa sia abbastanza offensivo. Non querelo nessuno. Mi piacerebbe, visto che non ha avuto la pazienza o il tempo di approfondire, che prima di prendere a calci il sottoscritto o di dire che sarebbe meglio non fossi italiano avesse il tempo di vedere a cosa si riferiva quel post. E non chiedesse scusa a me: chiedesse scusa ai rom italiani.


LEGGI ANCHE: Vauro: “Salvini discrimina anche tra cittadini italiani. Se potete postate una vostra foto con questa scritta: “Anche io sono italiano purtroppo”


FONTE: Globalist

3 risposte »

  1. eh no, Veronica, allora vuol dire che sei razzista, come può non interessarti dei cari ROM,come ad esempio i Casamonica, così integrati,così onesti e simpatici
    Non posso scrivere quello che gli farei a sti cazzo di ROM ,ma non solo a loro,sicuramente dopo la cura ci sarebbero più parcheggi

    "Mi piace"

  2. A prescindere dalla cittadinanza, è oggettivo che tutte le persone presenti sul suolo italiano ne debbano rispettare le leggi; notoriamente la popolazione ROM a distingue per nomadismo e carenza di stabilità lavorativa, oltre a frequenti piccoli furti. Come per ogni residente in difficoltà, ancor più se italiano, è compito della Repubblica (e del buon senso) adoperarsi perché si integri in salute, dignità e lavoro.
    In alcuni comuni della cintura milanese, in collaborazione della “Casa della Carità”, comunità ROM sono state integrate, prima di tutto con l’inserimento dei bambini a scuola, in parallelo alla ricerca del lavoro e residenza stanziale.
    So che nel comune di Pioltello non esiste più l’accampamento di roulotte perché sono diventati stanziali, a Cavenago di Brianza e Caponago le zone predisposte con acqua, corrente e servizi igienici sono ancora presenti, abitate da ROM lavoratori e figli studenti.
    L’integrazione è un processo complesso e lungo, come lo è stato negli anni ’50 per gli immigrati dal Sud a Torino e Milano ma la chiave di volta si chiama BUONA VOLONTÀ.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...